RIEDUCAZIONE POSTURALE

La Rieducazione Posturale prevede due differenti metodiche, entrambe per:

  • patologie della colonna vertebrale dai paramorfismi ai dimorfismi (scoliosi, cifosi, ginocchio varo, valgo, ecc)
  • esiti di traumi, conseguenze di incidenti sportivi
  • disfunzioni respiratorie
  • per migliorare la propria postura a fronte di maggior rendimento nella pratica sportiva

IL METODO SUCHARD

E’ una tecnica riabilitativa che prevede un movimento attivo da parte del paziente disposto ad opera del terapista in una postura che coinvolge tutto il corpo nella sua globalità.
La tecnica si basa sull’eliminazione dei compensi automatici che il paziente mette in atto per ovviare al dolore.
In postura si vuole ricreare il miglior equilibrio possibile tra i gruppi muscolari attraverso contrazioni isometriche dei muscoli nella posizione di massimo allungamento. Il terapista lavora attraverso l’allungamento delle catene muscolari usando la respirazione come strumento per rilassare o decontrarre i gruppi muscolari.
La metodica prevede 8 posture da adattare ad ogni singolo paziente.

Sedi: CDI Saint Bon 36, CDI Cairoli
 

IL METODO MEZIERES

E’ una metodica di rieducazione posturale che ha alla base il principio in cui la “forma governa la funzione”e non il contrario, ha ho scopo di “curare”la persona cercando di ripristinare la simmetria delle parti attraverso esercizi che favoriscono l’allungamento dei muscoli privi di elasticità. I numerosi muscoli , specialmente quelli posteriori del corpo, si comportano come un unico grande e potente muscolo in grado di deviare la corretta posizione di vertebre e capi articolari su cui hanno inserzione.
L’azione del terapista consiste nella lotta alle retrazioni muscolari con un lavoro di stiramento d’insieme delle catene miofasciali. La tensione e la retrazione dei muscoli posteriori del tronco e degli arti inferiori determinano l’esagerazione delle curve sagittali e delle scoliosi. Il lavoro segmentario si è dimostrato inutile nel mantenimento dei risultati a lungo termine.

Sedi: CDI Saint Bon 36, CDI Cairoli
 

ANALISI POSTURALE E RIEDUCAZIONE POSTURALE GLOBALE:

La Rieducazione posturale implica, in prima battuta, l’analisi posturale che può essere effettuata con differenti apparecchiature.


ANALISI FOTOGRAFICA DELLA POSTURA "POSTURAL EXPERIENCE"

La postural experience consente di oggettivare l'analisi posturale con ripresa di immagini in tempo reale tramite webcam ad alta risoluzione. grazie alla procedura guidata si definiscono i marker di riferimento sulle foto scattate in precedenza velocizzando cosi i tempi di analisi.
E' possibile personalizzazre il protocollo di valutazione secondo gli standard proposti dai maggiori esperti di postura al mondo.
Il software genera in automatico il report di analisi da consegnare al paziente con il logo e gli estremi della clinica personalizzabili.
Grazie a questo sistema diventa sempilce comunicare con il paziente che si rende conto immediatamente delle proprie deformità o squilibri in modo oggettivo.

Sedi: CDI Saint Bon 36
 

TEST POSTURALE E STABILOMETRICO

L’uomo è un sistema dinamico, anzi “orto dinamico”, costantemente influenzato da fattori esterni ed interni che, grazie all’elaborazione del Sistema Nervoso  Centrale, cerca sempre la condizione migliore per riorganizzare il corpo in equilibrio, comfort e risparmio di energia. L’evoluzione della specie, le abitudini professionali, gli squilibri alimentari, la sedentarietà, l’ipotono, l’ipocinesia etc. stanno modificando gli adattamenti delle fibre muscolari. Ne consegue che la dinamica funzionale ci porta a sbilanciare il baricentro in avanti, creando tensioni alla catena cinetica posteriore, tensioni che comportano l’esagerazione delle curve sagittali del rachide e le rotazioni vertebrali, detti adattamenti elicoidali, espressioni di un compenso adattativo delle catene crociate e di quelle miofasciali, necessarie per riequilibrare le forze antigravitarie. In questo importante concetto di globalità, il classico allungamento muscolare e\o la ginnastica correttiva tendono a ristabilire un equilibrio della catena posteriore costantemente in tensione, ma non sono in grado di dare al soggetto o all’operatore le informazioni sulle reali condizioni posturali.

Il Postural Bench è uno strumento unico e tecnologicamente evoluto in campo riabilitativo-valutativo-prestativo.
Lo studio della postura, delle disfunzioni funzionali, degli squilibri muscolari, delle alterazioni viscero-somatiche etc. rappresenta da tempo l’impegno principale di chi si occupa di benessere e di ricerca motoria adattata, non solo per la terapia, ma anche per la prevenzione delle patologie dell’apparato muscolo scheletrico.

Il sistema Postural Bench, dotato di sei rilevatori di carico estremamente precisi e indipendenti inseriti all’interno della struttura, permette di evidenziare le speculazioni elicoidali a livello dorsale, lombare e sacro-iliaco.
Il software, semplice ed intuitivo, dopo una prima fase valutativa consente di impostare un esercizio riabilitativo a feed back estremamente efficace per una corretta riprogrammazione posturale.
Tale innovazione riabilitativa mette il paziente in grado di lavorare in modo attivo, con esercizi di stretching attivo propriocettivo, esercizi in catena cinetica aperta o chiusa con un continuo controllo propriocettivo a feedback, e quindi con un coinvolgimento corticale che velocizza e consolida l’acquisizione di schemi posturali corretti.

La Pro Kin rientra nei sistemi propriocettivi mono-bipodalici statici, dinamici e stabilometrici. Questo stumento innovativo permette di valutare la distribuzione dei carici di interagire con un feed back visivo/acustico con il paziente al fine di lavorare sulla componente soggettiva dell’importante aspetto propriocettivo.

Studiare il controllo posturale del paziente (Posizione e oscillazione del centro di pressione) evidenziando, l’area, la frequenza, la velocità di oscillazione del CdP così da poter individuare asimmetrie posturali alla base anche di patologie neurologiche.

Oltre all’atteggiamento posturale possiamo modificare il grado d’instabilità a cui viene sottoposto il paziente per poter seguire il suo percorso riabilitativo secondo i suoi miglioramenti nel modo più personalizzato possibile.

Dopo un banale trauma discorsivo della caviglia è importante il recupero articolare, ma ancora di più il recupero propriocettivo, cioè l’informazione sulla posizione spaziale assunta da un determinato segmento corporeo, informazione necessaria per poter distribuire correttamente le tensioni muscolari al fine di eseguire il movimento corretto nell’ottica del maggior risparmio energetico e del minor rischio di recidive. Grazie alla Pro Kin possiamo analizzare e rieducare oltre alla postura anche diversi distretti articolari come il rachide (paziente seduto), l’anca, il ginocchio e la caviglia.


Sedi: CDI Portello

SCOPRI DOVE SIAMO

6 sedi in Milano e Provincia

Via Saint Bon n. 36 20147 Milano (MI)
Largo Cairoli n. 2 20121 Milano (MI)
C.so Porta Vittoria n. 5 20122 Milano (MI)
Via Grosotto n. 7 (Piazza Portello) 20149 Milano (MI)
Via Magenta n. 41 20017 Rho (MI)
Via Torino n. 8 20063 Cernusco sul Naviglio (MI)

PER PRENOTAZIONI O INFORMAZIONI

  • telefono

    • Centralino 02 48317444
    • Fisioterapia 02 48317386